Eastsidesound Studios, New York mixing with Marc Urselli
Eastsidesound Studios, New York mixing with Marc Urselli

LA STAMPA INTERNAZIONALE HA DETTO DI LAURA FURCI:

 

"Laura Furci è molte cose. E' una pianista educata nella musica classica, una vocalist e compositrice con una visione musicale che va molto oltre l'orizzonte artistico che normalmente contempliamo. L'innovazione ha un punto di massima espressione in cui le particelle della creatività si incontrano con se stesse ed è su questa onda quasi teoretica che Furci naviga comodamente. Giovane, bella, creativa e tecnicamente realizzata, Laura è una donna rinascimentale.

Il suo secondo lavoro dopo "Out of my comfort zone" (2010, Magnetica), è il contundente "Think con la tua cabeza": un provocante compendio di musiche e suoni presentati con grande freschezza. 

Furci attraversa un ampio repertorio e gioca a oscillare tra un vocalizzare in stile jazz tradizionale verso qualcosa di più originale ed esteticamente bello. Il talento di Furci, tanto in profondità quanto in ampiezza, è fatto su misura per l'epoca multimediale in cui viviamo. La sua creatività trascende ampiamente l'udito passando dalla fisica alla metafisica. La sua è una musica intelligente, suonata in maniera intelligente, che arriva anche al grande pubblico. In questi ultimi tre anni Furci ha fatto molta strada e sarà puro divertimento scoprire fino a dove arriverà."

C. Michael Bailey - “All About Jazz”

 

"Laura Furci si sta aprendo il cammino con una voce propria nella mecca mondiale del Jazz. L'ispiratore del suo salto senza rete fu il sassofonista David Binney, che durante un suo passaggio a Siviglia (dove la cantante ha vissuto) ebbe la gentilezza di ascoltare alcune delle sue composizioni e sentenziare: "Dovresti andare a New York".

La sua solida formazione classica le da una sicurezza schiacciante al piano, ma è l'intimità della sua voce e la sua teatralità italiana che marcano senza dubbio la differenza sul palcoscenico".

Carlos Fresneda -"El Mundo-America", New York

 

"In -Think con la tua cabeza- le Arie del sud -Andalusia, Brasile- apportano un tocco distintivo e un repertorio introspettivo e jazzistico, marcato dalla esuberante personalità della sua autrice…superato il primo ascolto, la musica di Laura Furci assomiglia soltanto a se stessa.

…nel libretto che accompagna il disco si vede Laura Furci cantando mano nella mano con Al Jarreau…"

Chema Garcìa Martinez - "El Pais"

 

"Mentre parla con i giornalisti, Colina e McGill, i due componenti del suo "Trio spagnolo" aspettano Laura per continuare le prove. Ed è il bassista che suggerisce di interpretare 'Pinsir', la sua canzone favorita del disco. La magia nasce immediatamente. C'è qualcosa di selvaggio ed allo stesso tempo bellissimo nella musica che offre questa temperamentale pianista, che è pronta per convertirsi nella prossima grande stella del genere. E tutto indica che, molto probabilmente, non tarderà molto nel conseguirlo".

Rafael Alba "El Boletìn"

 

"Ascoltando 'Think con la tua cabeza' la prima cosa che si scopre è una esuberanza musicale senza limiti nell'ambito di uno stile personalissimo e difficilmente classificabile, anche se con un aria marcatamente newyorchese, che trasmette in ogni momento un chiaro messaggio: 'Nella musica, come nella vita, pensa sempre con la tua testa, senti con la tua sensibilità, appassionati con la tua libertà'."

Republica.com

 

"Laura Furci è una pianista che si trova in sintonia con Skriabin, Rachmaninov o Chopin; una voce profonda e ricca di sfumature; un'esperienza in studio con grandi musicisti di Jazz; e concerti intimisti che captano il pubblico dalla prima canzone".

Fernando Olmeda - "Nueva Tribuna", Madrid

 

"Innanzitutto, l'opera di Laura Furci è un canto alla singolarità. Quella che regala la sua musica e quella che esorta negli ascoltatori. Una esortazione ad abbandonare la nostra comoda zona di confort e ad avventurarci in territori pieni di sfumature e toni che erosionino quei prevedibili modelli. Le canzoni di Laura Furci compiono così il loro obiettivo mentre ci invitano a condividere con loro il piacere di regalare felicità, che tanto felici ci rende.

Salvador Catalàn - "Rockdelux", Siviglia

"Innovation has a cutting edge where the particles of creativity turn in upon themselves and it is on this almost theoretic wave where Furci is most comfortable surfing." - All about Jazz - 2013

 

"Laura Furci è una pianista di formazione classica, appassionata per il Jazz d'avanguardia, la canzone spagnola, il rock progressivo.

Un bagaglio che le è servito per convertirsi in una cantante e compositrice ardita ed originale, di difficile catalogazione e ricca esposizione.
Furci è una abituale degli scenari Newyorkesi, Berlinesi e Spagnoli, avendo vissuto tra la Spagna, New York e Berlino per gli ultimi 8 anni.In Italia Ha aperto con in suo concerto: -una del date italiane del vocalista Jazz americano vincitore di 6 Grammy Awards, Al Jarreau al “Festival musica d’autore” di Grado, dove ha anche duettato con la star mondiale durante lo Show;-lo show di Rapahel Gualazzi al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, quello di
Nicola Conte, ed altri.E' appena rientrata in Italia dopo la registrazione dei suoi nuovi lavori, che si riuniscono nel Cd "Think con la tua cabeza": l’album, che contiene 14 temi originali della compositrice in tre lingue diverse, quelle dei luoghi in cui ha vissuto, è stato prodotto e registrato a New York con Ugonna Okegwo al basso, Colin Stranahan alla batteria e Michael League al basso elettrico, chitarra, rhodes, tra gli altri, all’Eastsidesound Studio di New York, mixato da Marc Urselli.

"Think con la tua cabeza”, è uno dei suoi messaggi, messaggi che spronano a mettersi alla prova ed a cercare senza paura la propria strada, non quella che gli altri disegnano per noi.

Pensare con la propria testa, sentire con la propria sensibilità, appassionarsi con la propria libertà.

 

Al Jarreau and Laura Furci during the vocal duet
Al Jarreau and Laura Furci during the vocal duet

Laura Furci è una pianista di formazione classica, appassionata per il Jazz d'avanguardia.
Un bagaglio che le è servito per convertirsi in una 
cantante e compositrice ardita ed originale, di difficile catalogazione e ricca esposizione.
Laura ha registrato il suo primo EP a New York nel 2009 con 
illustri nomi del Jazz attuale tra i quali il sassofonista David Binney, (New York) il pianista John Escreet (Londra), o il contrabbassista Ugonna Okegwo (Tom Harrell quintet).
Anche in Spagna ha avuto l'occasione di suonare con musicisti molto quotati, tra i quali il cantautore andaluso Javier Ruibal, con il quale ha sperimentato i ritmi e armonie delle radici del Flamenco durante il tour in Costa Rica e in tutta la penisola Iberica.

I suoi nuovi lavori si riuniscono nel Cd "Think con la tua cabeza": l’album, che contiene 14 temi originali della compositrice in tre lingue diverse, quelle dei luoghi in cui ha vissuto, è stato prodotto

e registrato a New York con Ugonna Okegwo al basso, Colin Stranahan alla batteria e Michael League al basso elettrico, chitarra, rhodes, tra gli altri, all’Eastsidesound Studio di New York, mixato da Marc Urselli.

Furci è una abituale degli scenari Newyorkesi, Berlinesi e Spagnoli (Festival "Musica sotto la torre" a Pisa, Castello di Moncalieri -Torino-, Villa Manin di Passariano -Udine-, Auditorium Central Lechera e Castillo de Santa Catalina di Càdiz, Somethin' Jazz club, ShapeShifters Lab a New York, Waldo Jazz, Badenscher Hof, Tausend Club a Berlino, tra i numerosissimi altri).

Ha fatto da supporter durante una del date italiane del vocalista Jazz americano vincitore di 6 Grammy Awards, Al Jarreau al “Festival musica d’autore” di Grado (Friuli-Venezia-Giulia), dove ha anche duettato con la star mondiale durante lo Show.
Ha anche realizzato l’Opening act per Raphael Gualazzi al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, e per Nicola Conte.

Laura Furci e`stata con grande apprezzamento recensita su giornali e riviste specializzate di interesse nazionale ed internazionale quali El Mundo- America (New York), "Cuadernos de Jazz"(Madrid), Nuevatribuna.es, La Voz, Diario de Càdiz, Messaggero Veneto, Il Gazzettino (Friuli) oltre che numerosi quotidiani Italiani:

"Laura Furci offre un concerto intimo nel quale, prendendo come base il formato piano e voce, passeggia attraverso un'inarrestablie corrente convertita in riflesso delle esperienze e riflessioni che hanno costruito, una dopo l'altra, i diversi strati della sua personalità." (Diario de Cadiz)

Su sólida formación clásica (premio Citta del Parnaso a los 15 años) le da la seguridad aplastante como intérprete en los teclados, pero es la intimidad de su voz y su teatralidad italiana la que marca sin duda la diferencia en los escenarios".

(Periodico EL MUNDO.es- America, New York Rewiev by Carlos Fresneda)

"Her songs, moving, full of melodic richness,..with interesting calls to very different musical traditions, but with that familiar air we use to call jazz,..those chord changes that are still miraculously harmonic, the play of her voice caming and going... her roots are present and alive, but at the same time she incorporates Andalusian airs like a new coat in the layers of her personality, like the testimony of what she already is, of what everybody is, passersby, in the end. Like her nomadic music" (JJ Tellez, "La Voz", Spain)

Laura Furci cominció la sua carriera musicale come pianista classica (solista e musica da camera) in Italia, il suo paese natale, nel quale a 15 anni vinse il primo premio al prestigioso concorso nazionale "Città del Parnaso" a Lecce, e si è esibita in numerosi Auditori e Teatri della penisola.

 
 Dopo aver ottenuto il titolo superiore di Piano in uno dei migliori conservatori europei sotto la guida di Giuliana Gulli e precedentemente Maria Felicita Russo Perez a Udine, si laureó anche in Scienze Politiche Internazionali all'Università di Trieste, con la Lode.

In seguito ha partecipato attivamente alle lezioni di Salvatore Accardo all’Accademia internazionale di Musica da Camera di Cremona.

Affamata di esperienze ed ispirazione atterró in Spagna, dove visse per anni ed opera abitualmente.
Presto cominció a comporre i propri temi, e registró il suo primo 
EP "Out of my comfort zone" (2009) a New york con musicisti del calibro di David Binney, John Escreet, Zack Lober, Greg Ritchie.

Durante la tappa Berlinese ha sperimentato nuove sonorità (piano-batteria) in collaborazione con lo "Show-Case Studio" di Potsdam.

Nella foto: Uno dei suoi temi è stato anche presentato al Teatro Nuovo Giovanni da Udine (FVG) dove la compositrice l'ha interpretato (piano, voce e orchestra) con il testo in lingua friulana di Ennio Zampa, accompagnata dalla FVG Mitteleuropa Orchestra.

-

Il programma del concerto comprende:

Composizioni originali della compositrice, già molto apprezzate sui palcoscenici di New York, Berlino, Madrid, Zaragoza, Cadiz, Pisa, Udine... tra gli altri, e recensite su giornali del calibro de "El Mundo-America", "Cuadernos de Jazz", eccetera., tra le altre:

"Out of my comfort zone", “Milagrosa armonìa”, "Effect with no cause", "Pink cloud in the sea”,
“Tutto sembra”, “Be shy tomorrow” 
...;

-Pezzi pianistici di rilievo ad esempio i Preludi per piano solo di G. Gershwin;

Temi italiani ed internazionali, nonchè standards riarrangiati in modo fresco e raffinato da Furci per il formato piano e voce
(Temi 
di B. Martino, F. Buscaglione, P. Conte, M. Peiroux, T. Jobim, C. Baker repertoire e

molti altri)

 

La formazione in trio, per concerti live è disponibile in esclusiva con i musicisti americani del Disco, Ugonna Okegwo e Colin Stranahan, o con il trio spagnolo in cui la affiancano Javier Colina e Guillermo McGill.

Per ulteriori informazioni scrivere a laurafurci@gmail.com o chiamare il +39.393.5050332 o il +34.675403419 

Ugonna Okegwo, Laura Furci, Colin Stranahan
Ugonna Okegwo, Laura Furci, Colin Stranahan
By   Published: October 25, 2013

Laura Furci: Laura Furci - Think Con La Tua CabezaLaura Furci is many things. She is a classically-trained pianist, vocalist and composer with a musical vision that penetrates well beyond the artistic horizon we currently realize. Innovation has a cutting edge where the particles of creativity turn in upon themselves and it is on this almost theoretic wave where Furci is most comfortable surfing. Young, beautiful, talented, technically accomplished, organically creative, Furci is a Renaissance woman. Her second recording, following the 2010 EP Out of My Comfort Zone (Magnetica), is the fully realized Think Con La Tua Cabeza: a provocative array of musics and sounds, freshly presented. 

Furci runs a full gamut from the edgy, adult-contemporary "Positive Side" with its Beatles references among an inventive horn chart to the sharp and angular "Think For Yourself" scored for piano, corn flakes and pots and pans. Furci goes polyglot on "La Cosa" and "Tutto Sembra," the former sporting an inventive strings chart while the latter contains a whiff of Latin piano coupled with contemporary vocal and instrumental flourishes. She updates "Comfort Zone" from her previous EP of the same title, polishing all of its edges to a high sheen with strings. The evolution is exciting and shows Furci developing from a more traditional jazz vocalist to something novel and aesthetically pleasing. 

Furci's talent, in both depth and breadth, was tailor made for the multimedia age we enjoy. Her creativity extends well beyond the aural into both the physical and metaphysical. Her's is smart music played smartly, easily enjoyed by the broadest audience. Furci has come along way in the last three years and it can only be pure fun to see where she goes.

Laura Furci started her musical career as a classical pianist (soloist and chamber) in Italy, where at the age of 15 she won the First Prize in the Italian Piano Competition "Citta' del Parnaso", performing in the Paisiello Theatre in Lecce and many other places in northern Italy. She obtained her degree in Classical Piano at The Conservatory of Udine and Trieste.(ITALY)

 

After graduating with Magna cum Laude from the University of Trieste in International Political Sciences, she lands in Spain, attracted by flamenco sounds. Here she shared stage with Javier Ruibal (Spain), Octavio Kotan (Cuba), Nono Garcia (Andalucía), and Johnny Phillips (Uk) as a pianist and as a singer.

 

Soon she started composing her own songs, and recorded her first EP "Out of my comfort zone" in New York (2009) with David Binney, John Escreet, Zack Lober, and Greg Ritchie.

 

"Her songs, moving, full of melodic richness,..with interesting calls to very different musical traditions, but with that familiar air we use to call jazz,..those chord changes that are still miraculously harmonic, the play of her voice coming and going... her roots are present and alive, but at the same time she incorporates Andalusian airs like a new coat in the layers of her personality, like the testimony of what she already is, of what everybody is, passersby, in the end. Like her nomadic music" (JJ Tellez, Spain)

 

Some musical reviewers (Lobuono, Italy) have called her "the Virginia Woolf of piano", for the emphasized literary nature of her songs, that reflects the stream of consciousness of inner life's experiences". (Diario de Càdiz)

 

Laura Furci is an Italian classically trained pianist, with a passion for Vangard Jazz.  

A store of knowledge that - along with her unusual life experiences -  has been of great value converting herself into a brave and original singer and composer, of difficult cataloguing and rich exposition.

 

Laura recorded her first EP "Out of my comfort zone" in New York with distinguished names of the contemporary jazz scene as saxophonist David Binney, pianist John Escreet, bassist Ugonna Okegwo. In Spain she also participated in recordings and shared stage with valued musicians, between them Javier Ruibal, Octavio Kotan etc.

She has been the opening act for Al Jarreau at Grado Music Festival, where she performed a duetto with this great American 6 Grammy Award winning vocalist.

 

Furci is a regular performer on European stages.

 

Her Album, "think con la tua cabeza", produced and recorded in New York in 2013,  features Ugonna Okegwo (upright bass), Colin Stranahan (drums), and Michael League (artistic co-producer, electric bass, guitar).

 

Her Album "paCiencia" was produced by Campi Campòn Brugada in Madrid in 2015.

 

Laura Furci offers you an intimate concert based on a piano and voice format. She takes you for a walk through a never ending flow of fragments reflecting - one after the other - the experiences and ideas that have shaped the different layers of her personality.

 

 

 

Zack Lober, Laura Furci, David Binney, John Escreet, Greg Rithchie
Zack Lober, Laura Furci, David Binney, John Escreet, Greg Rithchie

Algo sobre Laura

Traducción de Artículo de All About Jazz, 25 de Octubre, 2013, por C. Michael Bailey
http://www.allaboutjazz.com/php/article.php?id=45641#.UrCUgPTuJ2K

Laura Furci - Think Con La Tua Cabeza (2013)

Laura Furci es un todo terreno. Es una pianista formada en la música clásica, vocalista y compositora con una visión musical que explora mucho más allá de los horizontes artísticos que actualmente contemplamos. La innovación tiene un umbral de vanguardia dónde las partículas de la creatividad se entregan a si mismas y es sobre esa ola que Furci cabalga con gran soltura. Joven, bella, repleta de talento, técnicamente realizada, creativa, Furci es una mujer del renacimiento. Su segundo trabajo, después de “Out of My Comfort Zone (Magnetica)” en el 2010, es el contundente “Think Con La Tua Cabeza”: un provocativa variedad de músicas y sonidos presentados con frescura.

Furci recorre una escala completa desde el inquieto, maduro y moderno “Positive Side” consus referencias a los Beatles en una ingeniosa partitura para la secciòn de vientos hacía “Think For Yourself” escrita para piano, “cornflakes”, ollas y sartenes. Furci se convierte en poliglota con “La Cosa” y “Tutto Sembra”, el primero jugando con unos arreglos inventivos para instrumentos de cuerdas y el segundo recordando ritmos de piano Latino acoplado con florituras vocales e instrumentales de caracter contemporaneo. Furci moderniza su “Comfort Zone” (de su EP con el mismo nombre, 2010), con violines y violas que regalan con gran gustoun brillo nuevo a sus frases. Su evolución en los ultimos 3 años ha sido emocionante y demuestra, entre otras cosas, que Furci está transformando su creatividad vocal desde el jazztradicional hacía algo tanto novedoso cuanto estéticamente agradable.

El talento de Furci, tanto en profundidad como en amplitud, está hecho a medida para la época multimedia en la que vivimos. Su creatividad va mucho más allá de lo auditivo, llegando a atravesar lo físico y a través de su aura hasta lo metafísico . Lo suyo es música inteligente, tocada de manera inteligente, que llega a ser fácil de apreciar por un público variado no obstante su complexidad. Furci ha crecido mucho en los últimos 3 años y será muy divertido ver hasta donde es capaz de llegar.

Track Listing: Positive Side; Live The Question; Think For Yourself; La Cosa; Comfort Zone; Love Secret; pinsir; tutto sembra; By Shy Tomorrow; Milagrosa: Pink Cloud; Sunny Day; Effect With No Cause; Not Interchangeable.
Personnel: Laura Furci: vocals, piano, cornflakes; Ugonna Okegwo: acoustic bass; Colin Stranahan: drums, pots, pans; Michael League: electric bass, guitar, Rhodes, pots, pans; Chris Bullok: clarinet, bass clarinet; Mike Haher: trumpet; Matt Mclaughin: French horn; Natalie Cressman: trombone; Maria Im: first violin; Tomoko Omura: first violin, second violin; Fung Chern Hwei: second violin; JY Lee: cello; Zack Brock: all strings (5).
Record Label: Self Produced

 

Laura Furci es una pianista de formación clásica, apasionada, a la vez,  por el jazz de vanguardia. Un bagaje que le ha servido para convertirse en una cantante y compositora atrevida y original, de difícil catalogación y rica exposición.

 

Laura ha grabado su primer EP en New York junto a destacados nombres del jazz actual como el saxofonista David Binney, el pianista John Escreet o el contrabajista Ugonna Okegwo. 

Furci es una habitual de los escenarios neoyorquinos, berlineses, españoles y italianos. Ha partecipado a prestigiosos Festivales Musicales europeos ( "Musica sotto la torre" en Pisa y El Festival Musica d'autore de Grado, Festival Udin&jazz, el Festival de la Cancion Friulana...)

 

Laura Furci comenzó su carrera musical como pianista clásica, (solista y música de cámara) en Italia, su país natal, donde con 15 años ganó el prestigioso primer premio de la Competición nacional "Citta' del Parnaso"; un galardón que le permitió actuar en numerosos teatros y auditorios de la península.

 

Tras obtener el titulo superior de piano en uno de los mejores  conservatorios europeos , se licenció también en Ciencias Políticas Internacionales en la Universidad de Trieste, con Matricula de Honor.

 

Laura empezó pronto a componer sus propios temas, y grabó su primer EP "Out of my Comfort Zone" (2009) en New York, con músicos del calibre de David Binney, John Escreet, Zack Lober, Greg Ritchie, o Ugonna Okegwo.

 

Ha sido la supporter di Al Jarreau, con el que ha hecho un dueto al final del Show que el grande vocalista americano realizò en el "Festival musica d'autore" de Grado (Italia, por Azalea Promotion)

 

Su nuevo Cd " THINK CON LA TUA CABEZA" -2013- ha sido enteramente producido y grabado en New York City. 

La grabacion incluye musicos del calibre de Ugonna Okegwo, Colin Stranahan y Michael League entre muchos otros. Mixado poi Marc Urselli, el disco incluye 14 temas originales todos compuestos por Laura, que pone su piano y su voz en todos ellos, cantando en inglès, espanol, italiano y friulano.

Ya recensido por revistas internacionales del calibre de All about jazz, es un disco que sorprende por su variedad compositiva, soluciones sonoras inesperadas, y arreglos que convencen.

En los ulitmos 3 aNos Laura Furci se ha abierto un camino que llegarà lejos.

 

 

 

"Laura dedica una tema a la ciudad/quimera, y lo hace en español... 'Nueva York' arranca como un preludio de Chopin, sigue como una sonata de Prokofiev, avanza hacia una Rhapsody in Blue de Gershwin y al final hay sitios para todo, hasta unas notas de flamenco. He querido plasmar esa confusión ordenada que para mí es la esencia de la ciudad".

'So far, so close', uno de los temas más celebrados de su debut en el Miles Cafe de Nueva York, surge como un chispazo a partir de una obra de Mikel Urmeneta, otra de tantas conexiones a dos bandas de Laura Furci, que da lo mejor de sí en directo y se desborda emocionalmente con 'Out of my comfort zone', seguramente el tema que mejor la define.

Su sólida formación clásica (premio Citta del Parnaso a los 15 años) le da la seguridad aplastante como intérprete en los teclados, pero es la intimidad de su voz y su teatralidad italiana la que marca sin duda la diferencia en los escenarios". (Periodico EL MUNDO.es- America)

Laura Furci, Cadiz la ciudad quimera.
Laura Furci, Cadiz la ciudad quimera.
Eastside Sound Studio NYC with Marc Urselli and Michael League (sound engineer and artistic co-producer)
Eastside Sound Studio NYC with Marc Urselli and Michael League (sound engineer and artistic co-producer)